Wired intervista TrueScreen: l’app che dà valore legale agli screenshot

Oggi siamo su Wired Italia per scoprire la storia di TrueScreen, l’app per dare valore legale agli screenshot: come è nata e quali sono le sue funzioni? Lo raccontano i founder della startup bolognese, Fabio Ugolini e Giuseppe Travasoni in un’intervista per Wired a cura di Giacomo Pirrone.

Nasce tutto da un’altra nostra app per la gestione degli screenshot. Pensando a come migliorarla ci siamo resi conto della lacuna rappresentata dal fatto di non poter garantire la veridicità di un contenuto. Nel processo brevettuale abbiamo capito di quante applicazioni poteva avere questo algoritmo ed è nata la necessità per un’applicazione ad-hoc. L’idea è fornire a chiunque uno strumento accessibile per rendersi credibile.

F. Ugolini, CEO TrueScreen

Essere credibili sarà infatti sempre più difficile poiché modificare un contenuto è ormai troppo semplice: anche un bambino di 10 anni può con uno smartphone da 100€ e un’app gratuita riesce a falsare completamente una foto, un video o anche registrazioni audio, senza avere particolari competenze.

Nel caso degli screenshot, l’importanza della certificazione e del valore legale che può avere di fronte a un giudice, diventa ancora più evidente in quanto è tramite le schermate catturate che molto spesso vengono denunciati i casi di cybercrime più noti, come il cyberbullismo e il revenge porn.

Con l’app TrueScreen, chiunque potrà tutelare se stesso e la propria verità acquisendo solo foto, video, audio certificati con valore legale.

Acquisisci prove incontestabili certificate con valore legale

Per la prima volta è possibile tutelarsi utilizzando immagini e video certificati che garantiscono per sempre la protezione dei tuoi contenuti da future manipolazioni.
Nessuno potrà contestare la validità delle prove digitali con TrueScreen
.

Contattaci ora

Utilizza il form per qualsiasi richiesta di approfondimento.
Scopri come TrueScreen può rispondere alle tue esigenze.

Potrebbero interessarti…